Sito su piattaforma provvisoria, in corso di aggiornamento

Concorsi pubblici: “nella prova orale: può essere sottoposta ai candidati la stessa domanda?”

Il Sindacato degli Infermieri Italiani

Regione Lazio

Mail boxe: Nursing Up Lazio c/o Kipoint – via roma 39 - 00040 Pomezia (Roma)

Cell. 347/5871031  www.nursinguplazio.it – mail: regionalelazio.nursingup@gmail.com

Legal mail: regionalelazio.nursingup@pec.it

 

 

Gen.li colleghi,

Concorsi pubblici: “nella prova orale: può essere sottoposta ai candidati la stessa domanda?”

 

Nella regione Lazio, con reazioni delle persone coinvolte assimilabili a reazioni da miracolo, stiamo assistendo alla pubblicazione di concorsi, ben due dopo anni di attesa. Gli stessi concorsi sono stati banditi e poi eseguiti dopo un lungo periodo di ristagno.

La domande che si ricevono, soprattutto, presso le nostre sedi sono numerose, e comprensibilmente, la posta in gioco è importante, gli anni di attesa per un sospirato concorso, nella regione Lazio, ci rendono partecipi e comprensivi, in modo genitoriale, verso i molti colleghi che ci chiamano in causa.

Chi mi conosce lo sa’, ho una particolare passione per le sentenze. Amo leggere le sentenze, un aiuto notevole per capire come applicare le normative, che di per se potrebbero sembrare sterili, o difficili da comprendere.

Essendo curiosa, ed intenzionata a rispondere con cognizione di causa, diversamente da coloro che rispondono a torto o ragione, affermando: “è così e basta!” Io preferisco supportare e/o verificare il mio punto di vista con dei documenti scientifici e/o in punto di diritto.

Nell'art. 9, comma 4, del D.P.R. n. 483 del 1997, si stabilisce che "la commissione, immediatamente prima della prova orale, predetermina i quesiti da porre ai candidati mediante estrazione a sorte".

Quindi, la regola concernente l'obbligo di “estrazione a sorte” delle domande, anche nella prova orale, è una comprensibile direttiva a difesa dei partecipanti e della imparzialità da parte della commissione giudicatrice, attraverso un meccanismo di particolare rigore che implica la predisposizione di domande diverse per ogni candidato e ne impedisce l'astratta conoscibilità.

Tale vizio determina l'invalidità della procedura, indipendentemente da qualunque riscontro circa la correttezza delle intenzioni della commissione o delle finalità concretamente perseguite. 

 

Concludendo le domande della prova orale debbono essere scelte ad estrazione.

Roma, 05/06/2019 

 

 

Cordialmente

Laura Rita Santoro